Registrazione  |  Login

domenica, ago. 28 10.31

 
 

 
   
 
 
RiduciGay Italiani su FACEBOOK
 
   

 
 
 
RiduciAnche gay è famiglia
 
   

 
 
 
RiduciROMA EUROPRIDE 2011
 
   

 

 
 
 
RiduciI nostri gruppi su Facebook
 
     
 
 
Riduci 
 
   

 

 

 

 
 
 
RiduciSondaggio, cosa ne pensi delle unioni civili tra persone dello stesso sesso?
 
   
Sei d'accordo che anche in Italia, come accade in tutta Europa si concedano le unioni civili tra persone dello stesso sesso?




Vota sondaggio  Visualizza i risultati
 
 
 Le notizie pubblicate dagli iscritti 2011 Riduci

comunicazione sociale 8 X 1000 - lunedì 22 agosto 2011

 
E secondo gli organizzatori saranno in oltre 5000 oggi a manifestare contro la Giornata Mondiale de - venerdì 19 agosto 2011

 

E secondo gli organizzatori saranno in oltre 5000 oggi  a manifestare contro la Giornata Mondiale della Gioventù

La storia si ripete. Come in precedenza a Barcellona, anche a Madrid, dove Benedetto XVI arriverà domani, la locale comunità LGBT ha organizzato un accoglienza tutt’altro che gradevole – dal punto di vista del Pontefice, ovviamente – per il Papa che domani celebrerà la messa conclusiva della Giornata Mondiale della Gioventù nella capitale Spagnola.

LE PROTESTE – I gay e le lesbiche madrilene, infatti, non esiteranno a baciarsi in piazza, contro la morale restrittiva della Chiesa Cattolica sulle coppie omosessuali.

 

Come a Barcellona l’anno scorso, un bacio gay collettivo accogliera’ domani il Papa al suo arrivo a Madrid per la Giornata Mondiale della Gioventu’, ha indicato un gruppo spagnolo di difesa dei diritti degli omosessuali.
L’ iniziativa di protesta contro la politica della Chiesa verso gli omosessuali si terra’ in un luogo ancora non determinato lungo il percorso che Benedetto XVi effettuera’ in papamobile verso la Porta di Alcala’ e la Plaza de Cibeles, dove avverra’ il suo primo incontro con le decine di migliaia di giovani pellegrini della Gmg, ha indicato il portavoce Jaime del Val.

 maggiori informazioni ...
Famiglia, unioni di fatto: l’Italia è lontana, ma in Liguria qualcosa si muove - giovedì 11 agosto 2011

Famiglia, unioni di fatto: l’Italia è lontana, ma in Liguria qualcosa si muove

Genova. “A settembre in Regione discuteremo la nuova legge sulla famiglia e mi impegnerò in prima persona perché ci sia anche un’apertura alle unioni di fatto”. Lo dice Maruska Piredda, consigliere regionale dell’Idv e presidente della commissione Pari opportunità. Cosa significhi nella pratica questo annuncio è da vedere.

Quel che è certo è che alla ripresa dell’attività istituzionale la Piredda parteciperà ai lavori della sottocommissione incaricata della stesura del nuovo quadro normativo per la Liguria, e si impegnerà perché “anche le coppie omosessuali siano contemplate dalla nuova legge sulla famiglia”.

Chiaramente non si sta parlando di unioni civili o matrimoni dello stesso sesso. “Solo il legislatore nazionale, cioè il Parlamento, può fare qualcosa per mettere il paese su questa strada”, spiega a Genova24.it l’avvocato Damiano Fiorato, responsabile dello sportello legale di Arcigay Genova.

“L’Idv ha presentato a Roma un progetto di legge per l’istituzione dei Pacs (Patti civili di Solidarietà), spiega Piredda. “Certo la recente bocciatura alla Camera della Legge Concia contro l’omofobia non promette niente di buono, ma alla Regione restano comunque alcune competenze importanti. In questo quadro tenteremo di inserire capitoli specifici dedicati alle unioni di fatto, eterosessuali e omosessuali, all’interno della nuova legge sulla famiglia”.

Qualcosa di buono si può fare. “L’Emilia Romagna per esempio ha riconosciuto singoli diritti alle unioni di fatto, anche omosessuali, all’interno della sua legge finanziaria – continua Fiorato – si tratta di agevolazioni singole, come quelle che riguardano l’accesso all’edilizia residenziale. Singoli diritti, che costituiscono comunque passi in avanti verso il riconoscimento delle unioni civili”.

Nel suo piccolo la nostra regione è in qualche modo capofila in tema di diritti civili. La Spezia, nel giugno 2006, è stato il primo comune italiano ad aprire agli omosessuali il registro delle unioni civili, mentre la Liguria è stata inoltre la seconda regione a dotarsi di una legge contro l’omofobia, dopo la Toscana. “Purtroppo i registri non hanno alcun valore giuridico, ma sono importanti per il loro carattere politico, civili e culturale”, riprende Fiorato. “Per quel che riguarda la legge ligure contro l’omofobia sarebbe prioritario procedere verso la sua attuazione”.

“L’apertura alle unioni civili annunciata dalla Piredda è un’ottima notizia, che i Verdi appoggeranno di sicuro”, dichiara Cristina Morelli (Verdi), ex consigliere regionale e prima firmataria della legge ligure contro l’omofobia. “Speriamo che la Regione riprenda in considerazione anche la questione delle cure ormonali gratuite per chi intende perseguire un cambiamento di sesso, come ci avevano promesso Burlando e Montaldo in campagna elettorale”.

 
Comunicato stampa Movimento Gay Italiani - martedì 9 agosto 2011

Comunicato stampa Movimento Gay Italiani

Come sempre nel nostro paese (Spacciato per laico) la magistratura fallisce ancora, per l’esattezza come sempre davanti al clero. Non è una novità, ci siamo talmente abituati che oramai nessuno ci fa più caso. Vi propongo di seguito un altro a dir poco vergognoso fatto preso dall’agenzia ANSA Genova, da notare la difesa cosa si è dovuta inventare...
 
Francesco Zanardi
Portavoce del movimento attivista spontaneo Gay Italiani.
 

 
GAY:LI DEFINI' 'MALATI',CHIESTA ARCHIVIAZIONE PER MONS.RIGON
DENUNCIATO DA CASA LEGALITA', PER PROCURA NON E' REATO
   (ANSA) - GENOVA,9 AGO - La Procura della Repubblica di Genova
ha chiesto l'archiviazione, per infondatezza della notizia di
reato, per monsignor Paolo Rigon. Il presidente del Tribunale
ecclesiastico della Liguria era stato denunciato dalla Casa
della Legalita' per violenza privata e diffamazione aggravata:
in occasione dell'inaugurazione dell'anno giudiziario
ecclesiastico, lo scorso febbraio, sostenne che l'omosessualita'
e' ''un problema che si risolve se la psicoterapia viene
affrontata nella prima adolescenza''.
   Nei confronti dell'alto prelato erano stati presentati da
alcune associazioni omosessuali anche esposti all' ordine dei
medici e degli psicologi. L'avvocato Michele Ispodamia,
difensore di monsignor Rigon, all'epoca aveva affermato che il
suo assistito ''aveva parlato di omosessualita' come di un
problema per le famiglie nel momento in cui si manifesta in uno
dei due coniugi, ovvero quando una persona gia' omosessuale
contragga matrimonio con una persona eterosessuale''.
   Il legale aveva sostenuto che ''non era configurabile alcun
reato nelle frasi dette dal vicario giudiziale'', sottolineando
che non voleva offendere alcuno. ''Non avevamo dubbi sull'esito
della vicenda processuale - ha detto oggi - poiche' le parole di
monsignor Rigon non possono integrare alcun reato''.(ANSA).
 
 
 
SOTTOSEGRATARIO GIOVANARDI HA PERSO ENNESIMA OCCASIONE PER STARSENE ZITTO E FARSI GLI AFFARI SUOI. - domenica 7 agosto 2011

SOTTOSEGRATARIO GIOVANARDI HA PERSO ENNESIMA OCCASIONE PER STARSENE ZITTO E FARSI GLI AFFARI SUOI. GRAVE L’INTROMISSIONE IN VICENDA UNIONE PAOLA CONCIA. AVVIATE DECINE DI INIZIATIVE LEGALI CONTRO L’ITALIA PER IL SUPERAMENTO DELLE DISEGUAGLIANZE E PER IL MATRIMONIO GAY ANCHE IN ITALIA.

Comunicato Stampa dell’Associazione Radicale Certi Diritti:
Il (molto) Sottosegretario Carlo Giovanardi ha perso un’altra occasione per starsene zitto e non ficcare il naso in vicende umane e personali che riguardano questa volta la parlamentare Paola Concia, che ha appena coronato legalmente la sua unione con la sua compagna in Germania. E’ grave che un rappresentante del Governo trovi sempre occasione per ficcare il naso, in modo ossessivo -e certamente anche da studiare sul piano psico-comportamentale-, in una vicenda che non lo riguarda, né tantomeno riguarda quello che dovrebbe fare in qualità di Sottosegretario.
Su quanto l’esponente clerical-pseudo-costituzional-familista Giovanardi va ripetendo, con un mantra ossessivo, che 'la nostra Carta prevede, quali requisiti per il matrimonio, un rapporto tra un uomo e una donna, per realizzare quella 'societa' naturale' che e' il luogo in cui nascono i figli'', non possiamo che consigliargli di guardare cosa è avvenuto in Belgio, Olanda, Spagna, Sud-Africa, Argentina, e molti altri paesi democratici, ovvero che il matrimonio è un istituto al quale oramai accedono anche le coppie omosessuali e che prima o poi anche l’Italia raggiungerà questo obiettivo. La nostra lotta ha questo come obiettivo: il superamento delle diseguaglianze anche grazie ai ricorsi alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo e alla Corte di Giustizia Europea di molte coppie gay conviventi che partecipano alla campagna di Affermazione Civile dell’Associazione Radicale Certi Diritti.
 
AURORA STAINO: MIA FIGLIA È LESBICA. GLI OMOSESSUALI E LE LORO FAMIGLIE, IN ITALIA, ESISTONO - venerdì 5 agosto 2011

AURORA STAINO: MIA FIGLIA È LESBICA. GLI OMOSESSUALI E LE LORO FAMIGLIE, IN ITALIA, ESISTONO, È UNA REALTÀ CHE NON PUÒ PIÙ ESSERE IGNORATA

Aurora Stainodi Giulia Fresca. 
“OMOCRAZIA” è il nome dato ad un movimento spontaneo a favore dei diritti omosessuali costituitosi a Cosenza e che lo scorso febbraio ha organizzato in Calabria "la fiaccola dei diritti", evento partito da Savona e realizzato in diverse città d'Italia registrando l’ intervento telefonico di Francesco Zanardi, fondatore del movimento "Gay Italiani".
Aurora Staino, tra i fondatori del Comitato Genitori OMOCRAZIA sostiene fortemente che bisogna essere «insieme per combattere il pregiudizio e l'omofobia». Ma per dare una forte prova di ciò che significa ci ha raccontato la sua storia.
«Sono la mamma di una meravigliosa ragazza lesbica; meravigliosa perché dotata di sensibilità, [...]

 sani principi, intelligenza; E’ vicina alla laurea e spera di potersi realizzare al più presto in campo lavorativo. Vive la sua condizione con dignità. Sin dall’adolescenza e fino all’età di 19 anni percepivo in mia figlia dei disagi, cercavo di parlarle, di capire, ma lei mi tranquillizzava dicendomi “mamma, va tutto bene”. La guardavo negli occhi che non sprizzavano la spensieratezza tipica di quella età. Non ero convinta e finivo sempre per dirle “non dimenticare mai che io ci sono sempre, per qualsiasi motivo, che il mio amore per te non ha fine”.Notavo spesso il suo diario lasciato ben in vista, ero combattuta se aprirlo, pensavo “e se volesse dirmi qualcosa?”. Un giorno l’ho aperto, non parlava della sua omosessualità ma ho letto qualcosa che mi ha fatto sorgere dei dubbi in merito, ho riflettuto a lungo e dopo pochi giorni l’ho stimolata a parlare, l’ha fatto: Mi ha comunicato la sua omosessualità. Non nascondo che sono entrata nel panico. Ero disperata, ma sono stati solo pochi minuti, poi l’ho guardata ed ho visto altro che una ragazzina confusa ed impaurita, in quel preciso momento ho capito che aveva sofferto e stava soffrendo, che aveva bisogno della sua famiglia. Ho stretto mia figlia al cuore, rassicurandola, dicendole che suo papà ed io saremmo stati sempre al suo fianco. Ricordo le parole di mio marito “Se nostra figlia è omosessuale non è colpa nostra ne tantomeno sua.

Noi in quanto genitori, abbiamo il dovere di tutelarla dai pregiudizi, rispettare la sua condizione e fare di tutto per farla rispettare”. Mi sono detta che se volevo aiutare mia figlia nel modo più giusto dovevo conoscere il mondo omosessuale di cui sapevo molto poco. E’ stato un percorso doloroso, intanto ho dovuto cambiare schema mentale, accantonare le progettualità che ogni mamma pensa per i figli, ma non è stato certamente questo il lato più doloroso. Ho visto che questo mondo è fatto anche di persone buone, sensibili, educate e che soffrono perché discriminate, derise, vittime di uno stupido pregiudizio omofobo. A causa dell’omofobia, rischiano la vita e quando va bene, sono ferite nel corpo e nell’anima; da qui la paura di rendersi visibili, di non essere accettate dalla famiglia e dai parenti. Per questo molti non si sentono liberi.
Tutto questo mi ha fatto star male, mi sentivo impotente, avevo bisogno anch’io di aiuto. Non ho mai fatto percepire il mio stato d’animo a mia figlia, a lei infondevo solo sicurezza, ma ho dovuto contattare uno psicologo, è stato molto bravo, mi ha aiutata e mi ha raccomandato di continuare sulla mia strada perché la cosa che ferisce di più questi ragazzi e che rischia di farli “perdere” è quella di essere rifiutati dalle famiglie. Nostra figlia, neppure per un attimo, è stata rifiutata. Siamo andati avanti, siamo cresciuti e diventati forti insieme. Ci sentiamo genitori nel pieno significato del termine.»

Qual è allora il messaggio?
«Il messaggio che vorrei far arrivare alle famiglie che hanno un figlio omosessuale che non accettano o che fanno finta di non accorgersi, è questo: “I figli sono un dono di Dio. Tutti, indistintamente uguali, figli dello stesso Dio. Se avessimo avuto un figlio malato, gravemente disabile, sicuramente non lo avremmo abbandonato ma assistito amorevolmente, e allora perché non si accetta un figlio omosessuale? E’ più importante l’opinione della massa che il suo benessere? Di che cosa ci dobbiamo vergognare? I nostri figli non sono omofobi e non hanno commesso alcun reato, la loro non è una scelta sbagliata o un capriccio, bensì una condizione naturale. Per questo motivo dobbiamo orgogliosamente stare vicino ai nostri figli, renderli forti e visibili, per far capire a chi esercita il pregiudizio che non è giusto, che nessuno è immune, che domani potrebbero (o forse c’è già) trovarsi un omosessuale in famiglia e quindi imparare ad avere rispetto, non solo del mondo omosessuale, ma di tutte le diversità.” Se si voleva fare realmente qualcosa per frenare i vergognosi comportamenti discriminatori, doveva essere approvata la legge contro l’omofobia, integrata però da insegnamenti specifici, ad iniziare dalle scuole elementari, cosi ché, sin da bambini, si possa apprendere il rispetto per le diversità. 
Noi genitori, dobbiamo rivendicare con forza, insieme ai nostri figli, la legge per il riconoscimento per i diritti civili, necessaria in un paese che si definisce civile. In paesi come la Germania, la Spagna, l’Inghilterra, l’America... gli omosessuali si possono sposare, altri hanno i Pacs. L’Italia e la Grecia niente in merito. Poi ci sono i paesi arabi, dove gli omosessuali vengono ammazzati. Noi siamo famiglie per bene, lavoriamo onestamente, paghiamo le tasse, rispettiamo le leggi, esercitiamo il diritto di voto a destra e a sinistra e loro, i nostri politici, sono vergognosamente indifferenti, insensibili verso le gravi problematiche che affliggono gli omosessuali, le loro famiglie, parenti e amici. Comico no? Vogliamo parlare della posizione della Chiesa? 
Quando ero piccola e frequentavo il catechismo, ricordo che le catechiste ci chiedevano “chi ci ha creato?” e noi bambini, in coro “Ci ha creato Dio” La Chiesa difende, giustamente, la vita, dal concepimento fino alla morte poiché, la stessa è un dono di Dio che nessuno può togliere. La Chiesa è la stessa istituzione che difende le persone più deboli chiedendone l’integrazione. Qualche giorno fa ho letto sulla rivista Araldi del Vangelo del febbraio 2010, una parabola dal titolo “il fiore della sincerità” che recita così:“Figlio mio, vai dall’imperatore e digli la verità. Se ridono di te, non ti preoccupare, è meglio dire la verità piuttosto che inventare una bugia qualsiasi per evitare una presa in giro. Così l’Imperatore disse: Ling è stato l’unico che non si è vergognato di dire la verità, sebbene abbia sofferto il ridicolo davanti a tutti.

La sua sincerità deve essere ricompensata.” A questo punto nasce una riflessione: perché la Chiesa rimane muta davanti le gravi aggressioni omofobiche? Ricordo di una notizia trasmessa dal telegiornale secondo cui un prete si era rifiutato di celebrare il funerale di una ragazza dichiaratamente lesbica (c’era la bandiera gay sulla sua bara).Perché la Chiesa dice no alla comunione agli omosessuali? Sappiamo bene che non tutti siamo degni di ricevere il Sacramento della Comunione tuttavia, l’importante è non essere omosessuale!

Io ho molta fede, che preferisco vivere direttamente nei confronti di Dio, ritengo più dignitoso così. Considerato che per lo Stato e la Chiesa, gli omosessuali non sono “persone”, i nostri signori politici, di destra e di sinistra (in quanto i diritti negati non hanno colore politico), potrebbero incaricare l’Onorevole Casini, notoriamente più vicino alla Chiesa, a fare una legge secondo cui venga individuato un sito, per esempio un’isola deserta, dove confinare gli omosessuali e le loro famiglie, compresi “i privilegiati” e requisire i loro beni a favore delle famiglie “eterosessuali” (Il massimo rispetto verso quest’ultime, di cui faccio parte). Naturalmente trattasi di utopia, per dire che la legge per il riconoscimento dei diritti civili non danneggia nessuno, ma fa solo bene a chi ne ha bisogno. E’ notorio che dove non arriva il senso civico di tante persone arriva sicuramente la legge. Vorrei ora lanciare un messaggio per Francesco Zanardi e Manuel Incorvaia che hanno interrotto uno sciopero delle fame finalizzato al riconoscimento della loro unione e durato un mese abbondante:“Forza ragazzi, il vostro sacrificio non è stato vano, il forte messaggio è arrivato. Con la speranza di essere sempre più numerosi e motivati a rivendicare i sacrosanti diritti che renderebbero più semplice e serena la nostra vita”. Gli omosessuali e le loro famiglie, in Italia, ESISTONO, è una realtà che non può più essere ignorata.»

 

Syndicate   Stampa   
 
RiduciNotizieGay
 
   
Il News Feed non è disponibile. Messaggio di errore:Reference to undeclared entity 'hellip'. Line 86, position 66.

 
 
 
RiduciL'omosessualità nella nostra nazione quante vittime fa?
 
   

 

 
 
 
RiduciCerca su Gay Italiani
 
   
 
 

 

 
RiduciRegistrati alla MAILING
 
   

 
 
 
RiduciAccedi al portale
 
   


Registrazione
Hai dimenticato la Password ?

 
 
 
RiduciUtenti in linea
 
   
Persone Online Persone Online:
Visitatori Visitatori: 1
Membri Iscritti: 0
Totale Totale: 1

Online adesso Online adesso:
 
 
 
RiduciEventì
 
   

Inizio EventoFine EventoTitolo

 
 
 
RiduciMi piace
 
   

 
 
 
RiduciLink consigliati
 
   

 

 

 
 

Condizioni d'Uso  |  Dichiarazione per la Privacy  

 Copyright 2002 ZanardiGroup Corporated